Prostatite: i sintomi da riconoscere subito

I sintomi della prostatite dipendono dall'origine della malattia e non colpiscono solo le zone urogenitali.

Prostatite: quali sono i sintomi

La prostatite è un’infiammazione della prostata, una ghiandola a forma di castagna che fa parte del sistema riproduttivo maschile. La sua funzione principale è la produzione della componente liquida dello sperma ed è quindi fondamentale per la fertilità maschile.

Esistono 4 tipi diversi di prostatite: prostatite cronica o sindrome del dolore pelvico cronico, prostatite batterica acuta, prostatite batterica cronica e prostatite infiammatoria asintomatica. Le cause della prostatite dipendono dal tipo e possono essere di origine batterica nei due casi che portano questo nome, mentre per le altre due forme sono al vaglio molte ipotesi, tra le quali le responsabilità di un microrganismo non batterico.

I sintomi della prostatite differiscono per tipologia e sono assenti nella forma appunto detta asintomatica.


  • Prostatite cronica o sindrome del dolore pelvico cronico: i sintomi da riconoscere subito sono dolore e fastidio localizzati nella zona ano-genitale, ma anche nella zona lombare della schiena e nel basso addome frontale.
    I sintomi possono colpire anche la minzione, con dolori, aumento della frequenza e diminuzione della quantità di urina.

  • Prostatite batterica acuta: i sintomi di questa forma di origine batterica di prostatite compaiono all’improvviso e sono acuti, in genere dolorosi e richiedono un immediato intervento medico. Oltre ai sintomi già presenti nella sindrome del dolore pelvico cronico, si possono presentare febbre, brividi, nausea e vomito, sempre accompagnati da dolori genitali e alterazioni della minzione.

  • Prostatite batterica cronica: i sintomi sono gli stessi della forma acuta, sebbene meno intensi e più prolungati. Possono essere presenti sintomi come dolore e bruciore durante l’eiaculazione e blocco urinario.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail