I non-udenti possono comunicare con i medici grazie a un'app

Un’App per mettere in comunicazione i sordi e i medici: è la nuova frontiera per l’assistenza dei non utenti.

Smiling Deaf man talking using sign language on the tablets's cam

C’è una speranza in più per le persone sorde. Si chiama E-Lisir (Evoluzione Lingua Italiana Segni con Interprete in Rete) ed è un’App presentata all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che dovrebbe aiutare i non-utenti a comunicare con i pazienti. Con quest’applicazione si può effettuare una videochiamata attraverso un tablet a un video centro, nel quale operano interpreti Lis che facilitano la comunicazione tra sordo e operatore di sportello.

Le richieste della persona sorda vengono tradotte simultaneamente dalla Lingua dei Segni Italiana a quella verbale e viceversa, e le indicazioni dell'operatore 'convertite' in Lis. E-Lisir verrà anche utilizzato per tradurre nella Lingua dei Segni Italiana lo spot video della campagna di comunicazione sociale 'Vite Coraggiose' a sostegno della lotta alle malattie rare, promossa dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus. Lucia Celesti, responsabile Accoglienza e Servizi per la Famiglia del Bambino Gesù, ha così commentato:

"L'accesso delle persone disabili, in questo caso dei non udenti, alle strutture ospedaliere presenta criticità che è nostro preciso dovere affrontare e risolvere. Come una semplice scala rappresenta un ostacolo per chi non ha l'uso delle gambe, un monitor a chiamata vocale senza traduzione simultanea, una conferenza senza traduttore in lingua dei segni, possono rappresentare difficoltà insormontabili. Rispetto per ogni diversità è la parola chiave: decliniamola in tutte le lingue del mondo"

Via | Ansa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO