L'embrione sa autoripararsi

L’embrione è in grado di correggersi e di eliminare le cellule anormali. È questa la scoperta di un nuovo studio inglese.

ecografia.jpeg

La paura più diffusa di una donna in gravidanza sono le malformazioni fetali. Un nuovo studio porta all’attenzione una novità interessante: le anomalie dell'embrione all'inizio dello sviluppo non sono necessariamente il segno di un possibile difetto alla nascita, come la sindrome di Down. Le cellule anormali possono essere infatti eliminate e sostituite da altre sane, 'riparando' così l'embrione.

A sostenerlo è una ricerca sui topi, pubblicata sulla rivista Nature Communications e coordinata da Magdalena Zernicka-Goetz, dell'università britannica di Cambridge. Lo studio è partita dall'esperienza personale di Zernicka-Goetz, rimasta incinta del suo secondo figlio a 44 anni: fece una villocentesi che mostrò che fino a un quarto delle cellule nella placenta erano anormali. Significava che anche il bambino aveva delle cellule anormali?.


"Per fortuna mio figlio è nato sano ma molte donne incinte sono in difficoltà al momento di scegliere sulla base dei risultati di test che non sono compresi a pieno. L'embrione ha una sorprendente capacità di correggersi. Anche quando metà delle cellule nei primi stadi di sviluppo sono anormale, l'embrione riesce a ripararsi completamente".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO