Firenze, bambino ricoverato al Meyer: avrebbe mangiato formaggio contaminato

L'Azienda Sanitaria invita a riconsegnare il prodotto ai punti vendita

escherichia coli formaggio rumeno

Un bambino di 14 mesi è stato ricoverato all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze a causa di una probabile sindrome emolitico uremica collegata al consumo di formaggio di origine rumena. A parlare della vicenda è l’Azienda Sanitaria di Firenze, che invita a non consumare eventuali prodotti a base di latte della ditta rumena SC Bradet s.r.l..

Gli accertamenti avviati subito dopo il ricovero del piccolo hanno infatti svelato che il bambino aveva mangiato formaggi della SC Bradet s.rl.. Già lo scorso 9 marzo la ditta rumena aveva avviato il ritiro, in via precauzionale, dei suoi formaggi a causa di una contaminazione da parte di Escherichia coli O26:H11 (il batterio responsabile della sindrome emolitico uremica) che potrebbe essere responsabile di 14 casi di intossicazione registrati in Romania a partire dallo scorso 24 gennaio.

I servizi di sicurezza alimentare stanno accertando l’effettiva presenza del prodotto segnalato in commercio e se l’alimento verrà trovato sarà allontanato dalla vendita e immediatamente sequestrato

informa l’Azienda Sanitaria, che invita a riconsegnare al più presto eventuali prodotti della suddetta azienda al punto vendita in cui sono stati acquistati.

Via | Azienda Sanitaria di Firenze
Foto | Pixabay

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 92 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO