Il virus Zika, i sintomi, la diagnosi e la terapia

Ecco cosa è il virus Zika, quali sintomi comporta e come viene trattata la malattia.

Zika virus zanzare

Virus Zika: di cosa si tratta esattamente? Con “febbre di Zika” si intende una malattia virale che viene trasmessa dalle zanzare del genere Aedes, le stesse che trasmettono il virus della dengue e della chikungunya. Vi sarebbero delle segnalazioni in merito alla possibile diffusione del virus attraverso trasfusioni di sangue o per trasmissione sessuale, ma sono necessari ulteriori accertamenti in proposito. In generale, i sintomi registrati dai pazienti sono molto simili a quelli provocati da dengue e chikungunya, si tratta di sintomi lievi (per questo motivo, molte persone potrebbero non rendersi conto di essere state infettate), che fanno la loro comparsa a distanza di 3 - 12 giorni dalla puntura dell’insetto, e che durano dai 2 ai 7 giorni.

I sintomi

Tra i sintomi della febbre da virus Zika vi sono febbre, una sensazione di malessere, cefalea, dolori muscolari e articolari (in particolar modo a mani e piedi), eruzioni cutanee e congiuntivite. Una persona su 4 potrebbe non presentare sintomi particolari. Consultate comunque il medico se soffrite dei sintomi descritti sopra, e avete recentemente visitato una zona in cui si trova il virus Zika (cliccate qui per conoscere quali sono le zone interessate).

Se contratta durante la gravidanza, la malattia potrebbe però comportare sintomi di gran lunga più gravi. Si ritiene infatti che, nei figli di donne che erano state infettate dal virus Zika durante la gravidanza, l'infezione possa essere collegata a diversi casi di malformazioni fetali, come la microcefalia fetale, condizione che comporta uno sviluppo ridotto del volume del cervello e della circonferenza cranica nel bambino. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per identificare meglio le caratteristiche di tale legame. In attesa di maggiori chiarimenti, le donne incinte e quelle che stanno cercando di avere un bambino, sono comunque invitate a prestare particolare attenzione. 

Diagnosi e trattamento

La malattia verrà identificata mediante il metodo diagnostico PCR (polymerase chain reaction), e se presente, la febbre di Zika andrà trattata facendo in modo che il paziente stia a riposo, beva molti liquidi per evitare la disidratazione e assuma dei farmaci per il trattamento della febbre. E' sconsigliata l'assunzione di aspirina e altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene e naprossene, mentre il paracetamolo potrà essere somministrato per alleviare febbre e dolore.

Non esiste ancora un vaccino contro la malattia, per cui il miglior modo per evitare il contagio è quello di tenere alla larga le zanzare mediante repellenti per insetti e barriere fisiche come camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi e zanzariere.

via | Cdc.gov, Salute.gov.it, Ilsole24ore.com,

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO