Sclerosi multipla, la cura da un trattamento contro il cancro?

Lo suggerisce uno studio clinico internazionale ancora in corso

La sclerosi multipla potrebbe essere curata grazie a un trattamento in genere utilizzato per combattere il cancro: il trapianto di cellule staminali ematopoietiche. Ad accendere le speranze di chi soffre della forma recidivante-remittente della malattia sono notizie provenienti dalla Gran Bretagna, sede di uno dei centri che stanno attualmente sperimentando la terapia, il Royal Hallamchire Hospital di Sheffield.

Alcuni dei circa 20 pazienti sottoposti al trapianto, paralizzati prima del trattamento, avrebbero addirittura ripreso a camminare.

Avere un trattamento che riesce potenzialmente a invertire la disabilità è un risultato di prima importanza

ha sottolineato Basil Sharrack, esperto dell’ospedale britannico.

In cosa consiste la cura?

Lo studio in corso nel Regno Unito - condotto in collaborazione con strutture negli Stati Uniti, in Svezia e in Brasile - prevede l’eliminazione del sistema immunitario dei pazienti e la sua sostituzione con cellule staminali del sangue (ematopoietiche) prelevate dallo stesso paziente.


Si tratta, quindi, di un trapianto autologo mirato alla riprogrammazione delle difese immunitarie, che in caso di sclerosi multipla aggrediscono in modo anomalo la guaina di mielina che avvolgendo i nervi consente la rapida trasmissione dell’impulso nervoso. Le cellule trapiantate si trovano invece in uno stadio precoce non ancora colpito dalla malattia.


Per eliminare il sistema immunitario si utilizza un trattamento chemioterapico molto aggressivo che può essere associato a effetti collaterali come nausea e che non è privo di rischi per la salute del paziente.

Emma Gray, della Società per la Sclerosi Multipla del Regno Unito, ricorda però che la cura potrebbe non essere efficace contro tutte le forme della terapia, che è associata a importanti rischi e che richiede ulteriori studi che ne verifichino sicurezza ed efficacia a lungo termine.

Via | BBC

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail