Leucemia, nuova terapia per il rigetto

Ridurre le complicanze del trapianto ed evitare il rigetto. È un primo passo importante verso una nuova terapia della leucemia.

sangue-esame.jpg

Il principale rischio dopo il trapianto è il rigetto. Malattie come la leucemia vengono curate ovviamente con i trapianti (di midollo o sangue periferico). L’unico modo per rendere più efficaci queste terapie è cercare di ridurre le complicanze. Per questo motivo Nicolaus Kroger di Amburgo, Carlos Solanos di Valencia e la dottoressa italiana Francesca Bonifazi, camice bianco al Sant’Orsola di Bologna, hanno studiato (negli ultimi 10 anni) una terapia per abbattere i rischi:

Durante il ciclo di chemioterapia che precede il trapianto viene iniettato nel paziente un siero. Un farmaco che “intontisce” i linfociti del donatore. In questo modo si ottengono due risultati: i linfociti combattono lo stesso la leucemia ma non attaccano gli organi sani.

Ha raccontato a Repubblica la dottoressa. Il rischio principale infatti era evitare che il sistema immunitario si fermasse: il trapianto altrimenti non servirebbe più a nulla. Se, invece, i linfociti vengono usati secondo le esigenze dei medici, con un farmaco che è in grado di bilanciarne e condizionarne l’azione, i risultati sono ben altri.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail