Malattie autoimmuni e alimentazione: il legame è negli additivi?

Parola agli esperti

malattie autoimmuni cibo processato

Le malattie autoimmuni possono dipendere dall'alimentazione? Secondo Aaron Lerner, esperto del Carmel Medical Center di Haifa (Israele), e Torsten Matthias, dell'Aesku.Kipp Institute di Wendelsheim (Germania), la risposta è sì e alla base di questa associazione ci sarebbero gli additivi presenti nel cibo processato, ad esempio gli alimenti in scatola oppure quelli surgelati, ma anche snack e cibi precotti.

I due esperti lo affermano sulle pagine della rivista Autoimmunity Reviews, dalle quali spiegano:

L'incidenza delle malattie autoimmuni sta aumentando con l'espansione della trasformazione industriale dei cibi e il consumo di additivi alimentari.

Cosa sono le malattie autoimmuni?

 


Le malattie autoimmuni sono scatenate da un attacco del sistema immunitario alle cellule sane dell'organismo, che vengono scambiate per agenti estranei. Tale aggressione porta alla distruzione dei tessuti e ad anomalie nella crescita e nel funzionamento degli organi.


Attualmente sono noti più di 100 disturbi di questo tipo. Fra i più comuni sono inclusi la celiachia, il diabete di tipo 1, la sclerosi multipla, il morbo di Crohn e l'artrite reumatoide.

Glucosio, sale, emulsionanti, solventi organici, glutine, transglutaminasi microbica, e nanoparticelle sono estensivamente e sempre più utilizzati dall'industria alimentare (…) per migliorare la qualità del cibo. Tuttavia, tutti i sopra citati additivi aumentano la permeabilità intestinale.

Tale alterazione romperebbe l'equilibrio che permette al sistema immunitario di distinguere il “proprio” dall'estraneo, portando così allo sviluppo di reazioni autoimmuni.

L'intestino e le malattie autoimmuni

Come spiegano Lerne e Matthias nel loro studio, “il malfunzionamento delle giunzioni strette [strutture presenti tra una cellula epiteliale e l'altra che contribuiscono alla formazione della barriera intestinale, ndr] è comune a molte malattie autoimmuni e il ruolo centrale giocato dalle giunzioni strette nella patogenesi delle malattie autoimmuni è stato ampiamente descritto”.


“Si ipotizza”, proseguono gli esperti, “ che additivi comunemente utilizzati nel cibo industriale eliminino la funzione di barriera dell'epitelio umano, aumentando così la permeabilità intestinale attraverso le giunzioni strette aperte, portando all'entrata di antigeni immunogenici estranei e all'attivazione della cascata autoimmune”.


“In futuro”, concludono gli autori della pubblicazione, “la ricerca sull'interazione esposizione agli additivi alimentari- permeabilità intestinale-autoimmunità aumenterà la nostra conoscenza dei meccanismi comuni associati all'avanzata autoimmune”.

Via | Autoimmunity Reviews

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 311 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail