Genitori troppo religiosi? I figli saranno poco generosi

I figli dei genitori religiosi sarebbero meno generosi rispetto a quelli dei genitori non religiosi. Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Genitori religiosi

Genitori religiosi? I figli potrebbero essere meno generosi rispetto al normale! A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Current Biology, uno studio che sfida la nozione fin troppo diffusa secondo cui gli individui molto religiosi sarebbero più “buoni” rispetto a quelli che ammettono di non essere religiosi. Proprio a causa di questa nozione fin troppo semplicistica, le persone che si dichiarano “non religiose” vengono spesso discriminate, vengono considerate meno affidabili e più immorali, rispetto a quelle che invece dichiarano di essere religiose.

Per analizzare meglio la questione, i ricercatori hanno arruolato 1.170 bambini di età compresa fra i 5 e i 12 anni, provenienti dagli Stati Uniti, dal Canada, dalla Giordania, dalla Turchia, dal Sud Africa e dalla Cina. I partecipanti erano musulmani, cristiani, ebrei, buddisti, indù, agnostici, oppure “non religiosi”.

Lo studio si suddivide in due parti. Nel primo test, ai bambini venivano mostrati dei video in cui alcuni coetanei si spingevano (più o meno scherzosamente), e veniva chiesto loro quale fosse il grado di cattiveria, e quale la punizione più adatta. Ebbene, le punizioni più severe sarebbero state proposte dai bambini musulmani, seguiti dai cristiani e – al terzo posto - da quelli non religiosi.

In un secondo test, tutti i bambini erano chiamati a decidere quanti dei loro adesivi avrebbero voluto condividere con un compagno anonimo, della stessa scuola e di un gruppo etnico simile al loro. I ricercatori hanno constatato che i bambini che venivano da famiglie non religiose sarebbero stati più generosi, mentre quelli provenienti da famiglie religiose mostravano meno generosità. Come se non bastasse, sembra anche che la generosità dei bambini non religiosi tenda ad aumentare con il passare degli anni.

Il team ha approfondito la questione, incorporando i tre gruppi maggiori: cristiani, musulmani e bambini non religiosi. Anche in questo secondo caso, gli esperti hanno scoperto che i bambini non religiosi sarebbero stati i più generosi.

Nel complesso, i nostri risultati gettano luce sul contributo culturale della religione sul comportamento prosociale, e contraddicono il senso comune e l'assunzione popolare secondo cui i bambini provenienti da famiglie religiose sarebbero più altruisti e gentili verso gli altri.

spiegano gli autori della ricerca

Più in generale, si mette in discussione se la religione sia di vitale importanza per lo sviluppo morale, sostenendo l'idea che la secolarizzazione del discorso morale non ridurrà il livello di gentilezza umana. Infatti, farà esattamente il contrario.

via | MedicalNewsToday,Cdt.ch

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO