Combur test delle urine, a cosa serve e come si effettua

Che cos’è il combur test? È un esame delle urine che si può fare tranquillamente a casa.

Il Combur test è un test che si può fare a casa, molto velocemente, per verificare eventuali infezioni alle vie urinarie, diabete e non solo. Come si effettua? Bisogna raccogliere la pipì in un barattolino sterile e immergere una striscia reattiva, che può identificare la presenza di 5 o 10 sostanze. Dopo qualche minuto si paragona il colore (stile cartina al tornasole) con la didascalia cromatica presente sulla confezione.

I risultati sono molto chiari fin da subito, anche per i non addetti ai lavori, perché le strisce reattive sono protette con un’innovativa sigillatura a rete da possibili alterazioni di colore, usura e interferenze. Inoltre, non produce falsi negativi. Come mai? Queste strisce sono impregnate con iodato, quindi riducono al mimino l’interferenza dell’acido ascorbico sui campi reattivi del sangue e del glucosio, perfino in presenza di elevate concentrazioni di acido ascorbico (fino a 750mg/l) nelle urine.

È poi comodo, perché si può fare in qualsiasi momento: le strisce infatti si conservano a temperatura ambiente fino alla data di scadenza indicata, anche dopo l’apertura della confezione. Quali sono le sostanze che si possono rilevare? In quello a 10 abbiamo il glucosio, le proteine, il ph, i corpi chetonici, l’ Urobilinogeno, il sangue, Leucociti e nitriti, il peso specifico, una indicazione della concentrazione ionica delle urine, utile per la diagnosi del diabete, e la bilirubina.

In caso di positività, ovviamente, si consiglia di chiamare il medico che ovviamente procederà con la prescrizione di alcuni esami di laboratorio, più analitici.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail