Tagli alla sanità, ecco cosa aspettarsi

Inizia il toto-scommesse sulle prestazioni che ne faranno le spese

tagli sanità

Regole più strette per la prescrizione di analisi, visite ed esami di diagnostica per immagini: sarebbero queste le conseguenze dei tagli alla sanità che gli italiani devono aspettarsi dopo l'estate. Ad agosto, infatti, il Ministero della Salute dovrebbe decidere sul destino di centinaia di analisi, esami e ricoveri. Una volta presa la decisione i medici non potranno più prescriverle a carico del Servizio Sanitario Nazionale senza giusta causa, a meno che non vogliano pagarne le conseguenze di tasca propria.

Per quanto riguarda le analisi di laboratorio, si parla di regole secondo cui la rimborsabilità dipenderà dallo stato di salute del paziente e dagli esiti di eventuali test precedenti che ne certifichino la necessità. Regole del tutto analoghe normeranno anche la prescrizione di Tac, risonanze magnetiche ed ecografie; nel caso di queste ultime non saranno escluse dai tagli nemmeno quelle durante la gravidanza, che dovrebbero essere rimborsate solo se le condizioni di mamma e bambino le rendano effettivamente necessarie. Infine, i ricoveri, che dovranno essere sempre più brevi.

Via | Il Messaggero

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO