Sudorazione notturna: cosa fare quando l'iperidrosi colpisce di notte

La sudorazione notturna è un problema frequente e ha spesso natura differente. Ecco come comportarsi in caso di iperidrosi.

La sudorazione notturna è detta anche iperidrosi notturna e non è un disturbo raro. Purtroppo, senza essere un problema grave, crea numerosi disagi. Prima di tutto non permette al paziente di riposare bene e poi è indicatore che la persone sta vivendo probabilmente un momento di forte stress, perché spesso ha anche una natura psicologica. Può avere anche valenza ormonale, non a caso ricorre durante la menopausa, o semplicemente può di pendere da un ambiente troppo caldo.

sudorazione-notturna

In alcuni casi iperidrosi, nasconde patologie più gravi, come disfunzioni tiroidee o il linfoma di Hodgkin. Come comportarsi? Prima di tutto segnalare il problema al proprio medico di base o anche al ginecologo o all’endocrinologo, che potrebbero cercare di capire quale sia la causa. Mantenere in camera un ambiente abbastanza fresco, non utilizzare pigiami pesanti o piumini esageratamente caldi.

Se la sudorazione, per esempio, è legata a una difficoltà di digestione, quello che dovete fare è imparare a stare molto leggeri, soprattutto la sera. Evitate poi di bere alcolici, che sono pesanti e disturbano anche a livello circolatorio. Si possono utilizzare dei farmaci? Ovviamente sì, la terapia deve essere stabilita dal proprio medico. I più utilizzati sono gli anticolinergici, ma ricordate che questi prodotti hanno degli effetti collaterali e solo il dottore può valutarne i pro e i contro.

Foto | Pinterest

Via | Albanesi

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail