Diabete di tipo 2, capacità cognitive a rischio?

Esiste un legame fra diabete di tipo 2 e declino delle capacità cognitive nei pazienti. Ecco cosa suggerisce un nuovo studio.

Diabete di tipo 2 e minori capacità cognitive sono in qualche modo collegate, secondo quanto emerge da un nuovo studio condotto dai membri dell'Università di Waterloo, secondo cui a risultare alterati potrebbero essere nello specifico le funzioni esecutive come i comportamenti istintivi e quelli riflessivi. Quella da poco pubblicata su Psychosomatic Medicine rappresenterebbe la prima analisi statistica completa, basata su precedenti studi, volta ad esaminare il legame che intercorre fra diabete di tipo 2 e la riduzione di alcune abilità cognitive.

Questo aspetto della funzione del cervello

spiegano gli autori dello studio

è significativo soprattutto perché facciamo affidamento su di esso quando cerchiamo di comportarci in un modo che è in contrasto con le nostre inclinazioni naturali o con ciò che l'ambiente ci impone di fare.

Per analizzare meglio la questione, gli esperti avrebbero esaminato 60 studi, mettendo a confronto un campione di 9815 persone con diabete di tipo 2 e un altro campione di 69.254 soggetti di controllo, senza la malattia. I partecipanti con diabete di tipo 2 erano stati invitati a verificare regolermente i livelli di zucchero nel sangue ed a monitorare quotidianamente le scelte alimentari e gli orari dell'assunzione dei farmaci.

Diabete di tipo 2 Rischi Cervello


Dallo studio sarebbe tuttavia emerso che molti individui con diabete di tipo 2 avrebbero avuto dei problemi nella gestione della malattia. E propri tali problemi sono indubbiamente spesso fonte di preoccupazione per i familiari, i medici e anche per gli stessi pazienti.

Il problema è il fatto che la gestione efficace del diabete si basa in maniera significativa sulla funzione esecutiva.

spiegano gli esperti,

Essenzialmente le persone con diabete di tipo 2 vengono colpite dal doppio smacco di avere un maggiore bisogno di controllo esecutivo, ma - forse per effetto della malattia sul cervello – minori risorse per esercitare tale controllo.

Di recente la ricerca ha comunque illustrato come l'attività fisica o attività cognitivamente stimolanti per il cervello (come imparare cose nuove, risolvere enigmi difficili e altre attività di problem solving) possano offrire degli effetti benefici per migliorare la funzione esecutiva nelle persone affette da diabete di tipo 2.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Sciencedaily.com

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail