Medicina 2.0: come difendersi dalle bufale su Internet

Siete sicuri che ciò che leggete sul web corrisponda a realtà? Ecco come evitare di finire per credere a informazioni che potrebbero danneggiare la vostra salute

Diffondere una corretta informazione in medicina e nel campo della salute senza mai sostituirsi al parere dei medici: è questo l'obiettivo dichiarato di Scienza e Salute, quello che spinge ogni giorno la nostra redazione a dare il meglio di sé. La diffusione di Internet ha però in poco tempo fatto assumere al web il ruolo di luogo in cui trovare risposta a qualsiasi domanda, un ruolo che però spesso non riesce a impersonare con successo e che può diventare pericoloso per chi cerca informazioni mediche.

Questo fenomeno ha anche un suo nome proprio, medicina 2.0. A renderlo possibile sono la facile accesssibilità e la fruibilità in tempo reale da parte di chiunque abbia a disposizione una connessione a Internet. Se, però, questo tipo di ricerca può aiutare a difendersi da bufale e a farsi un'idea generale del problema con cui si ha a che fare, d'altra parte il rischio è cadere nel tranello opposto: finire per credere ciecamente a tutto ciò che si legge, o magari solo a ciò fra quel che si legge che corrisponde alle nostre aspettative e ai nostri desideri.

Come fare per non cadere in pericolosi errori? Il segreto sta nell'affidabilità e nell'autorevolezza delle fonti. A ricordarlo è il team di Pharmawizard, applicazione che permette di recuperare informazioni sui farmaci, e noi di Blogo vogliamo condividere i loro consigli per un uso consapevole di Internet nell'epoca della medicina 2.0. Eccoli, nel dettaglio, per voi.

medicina


  • Valutate l’affidabilità e la qualità della fonte – Ricorrete (come facciamo qui su Scienza e Salute scegliendo le nostre fonti) ad autorità ufficialmente riconosciute ed individuare il responsabile dei contenuti.
  • Siate "cyber-scettici" – Cercate un parere indipendente e visitare sempre più siti.
  • Cercate l’evidenza scientifica – Fate affidamento sulla ricerca medica, non sulle opinioni.
  • Attenzione all’obiettività e all’indipendenza delle fonti – Qual è lo scopo del sito? Chi finanzia il progetto? (Blogo è informazione libera e indipendente!).
  • Proteggete la vostra privacy – L’informazione sanitaria deve essere riservata. Il sito adotta una politica per la gestione dei dati personali/sensibili e dice quali informazioni vengono raccolte?
  • Consultate sempre il vostro medico curante – Le migliori decisioni in campo sanitario scaturiscono da una corretta e trasparente relazione medico-paziente.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO