Influenza aviaria, quattro decessi in Libia

Ad annunciarlo è il Ministro della Salute, senza però precisare di che ceppo virale si tratta

Sono quattro i decessi causati negli ultimi giorni dall'influenza aviaria in Libia. Ad annunciarlo nella giornata di ieri è stato Rida al-Awkali, Ministro della Salute del governo libico riconosciuto a livello internazionale. Un quinto caso sospetto è stato segnalato a Tobruk, nella parte orientale del Paese; Awkali ha informato che il paziente è stato ricoverato in ospedale.

Il Ministro della salute non ha precisato quale fra i ceppi di influenza aviaria ha causato i decessi, ma ha informato che 3 delle vittime sono morte a Tripoli, la capitale del Paese, mentre il quarto caso letale è stato registrato proprio a Tobruk, al confine con l'Egitto, dove secondo le informazioni diffuse dalle autorità sanitarie del Cairo quest'anno i decessi a causa dell'aviaria sono stati 8.

Il primo caso di influenza aviaria è stato registrato sempre a Tobruk nel mese di marzo, quando ad essere infettati erano stati degli animali in un allevamento avicolo. Nemmeno all'epoca, quando però non è stato segnalato nessun caso nella popolazione umana, è stato specificato quale fosse il ceppo virale responsabile dell'infezione. Impossibile quindi sapere se si tratti dello stesso virus H5N8 che ha portato all'abbattimento di un intero allevamento di tacchini in provincia di Rovigo di cui vi abbiamo parlato una decina di giorni fa. Impossibile anche dire se si tratta del ceppo H5N1 -quello che a partire dal 2003 ha ucciso più di 400 persone nel Sudest asiatico - o del ceppo H7N9 - che dal 2013 ad oggi ha fatto più di 170 vittime.

aviaria in Libia

Awkali ha annunciato l'imminente arrivo in Libia di un delegazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Non resta che rimanere in attesa di eventuali nuove precisazioni in merito ai casi già accertati e all'evolversi della situazione.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Al Arabiya
Foto | da Flickr di Katie@!

  • shares
  • +1
  • Mail