La roseola: sintomi, cause e terapia

La roseola è un eritema cutaneo superficiale in genere sintomo principale di una infezione esantematica dei bambini nota come sesta malattia. Vediamo sintomi e cure

La roseola è un eritema superficiale che si manifesta con la comparsa sulla pelle di papule rosacee che si caratterizzano per il fatto di scomparire alla pressione del tatto. In genere questo disturbo cutaneo è il tipico sintomo della sesta malattia dei bambini (ma che può colpire ad ogni età), anche definita infatti esantema critico o roseola infantum, e fa parte della infezioni esantematiche dell'infanzia, tra cui morbillo e varicella.

Roseola

La sesta malattia viene causata da due virus della famiglia degli Herpes virus umani e si tratta di un'infezione assolutamente benigna, che non provoca complicanze neppure in gravidanza perché anche se contratta dalla madre non passa al feto attraverso la placenta.

L'infezione però, colpisce prevalentemente i bambini tra 0 e 3 anni, e si contagia attraverso il contatto diretto o le prime vie aeree (ovvero i virus vengono trasportati dalle goccioline di saliva), insorgendo dopo un tempo di incubazione variabile tra i 5 e i 15 giorni. Ma quali sono i sintomi della roseola? Ecco i più comuni:


  • Febbre. Nei bambini la temperatura corporea sale molto, fino a 39-40°, negli adulti può anche essere assente
  • Ingrossamento dei linfonodi
  • Disturbi gastrointestinali
  • Dolori articolari
  • Mal di gola
  • Comparsa dell'esantema (dopo qualche giorno e la scomparsa della febbre). Le chiazze affiorano su tutto il corpo, e in particolare su parte superiore del tronco, braccia, gambe, collo e viso. La caratteristica delle papule della sesta malattia è quella di diventare bianche se ci si passa sopra la mano e la breve durata. In genere scompaiono dopo circa due giorni

La roseola infettiva non si cura con i farmaci, perché il sistema immunitario è del tutto in grado di debellare il virus da solo. Le terapie saranno quindi solo sintomatiche e nei bambini con febbre alta si somministrerà l'antipiretico. Esistono anche altri tipi di roseola, non di tipo virale, ad esempio l'eritema può manifestarsi a seguito dell'assunzione di farmaci come reazione allergica affine all'orticaria.

In questi casi l'esantema scompare dopo che si interrompe l'assunzione dei principi attivi allergizzanti. Infine, segnaliamo che una roseola da sifilide. In questo caso l'eruzione dell'esantema fa parte della sintomatologia iniziale della malattia venerea, che si manifesta dopo circa 2 mesi dal contagio.

In questo caso il sintomo passa da solo dopo circa 20 giorni, ma la malattia progredisce se non curata tempestivamente con gli antibiotici specifici per debellare il germe patogeno, il batterio Treponema pallydum.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • +1
  • Mail