Eutanasia, nuovo appello al parlamento in un video dell'Associazione Coscioni

L'associazione ha presentato il nuovo video al Parlamento nella giornata dei diritti umani del 10 Dicembre 2014 per richiedere la discussione della proposta di legge sull'eutanasia depositata alla Camera dei deputati e mai calendarizzata.

Di eutanasia e testamento biologico si parla ancora sempre troppo poco in Italia, ma la battaglia per la sensibilizzazione sull'argomento della "dolce morte" continua: l'impegno del Comitato Eutanasia Legale e dell'Associazione Luca Coscioni è costante in questo campo e in occasione della Giornata internazionale dei diritti umani del 10 Dicembre 2014, l'associazione ha presentato il nuovo video informativo sull'eutanasia legale.

"Eutanasia, Il Parlamento si Faccia Vivo" è il titolo del nuovo video: un accorato appello al Parlamento Italiano per far sì che la proposta di legge di iniziativa popolare sulla dolce morte, depositata alla Camera il 13 Settembre 2013, venga finalmente calendarizzata e discussa dai deputati e senatori italiani, al fine di regolamentare degnamente le ultime volontà di un malato terminale grave con il diritto all'autodeterminazione in materia di fine vita.

Al momento, come si evince dal video, in Italia l'eutanasia è considerata un crimine: chi aiuta una persona a morire rischia fino a 15 anni di carcere.

10679627_382145981955532_4774113799354362215_o

Al video appello al Parlamento dell'Associazione Coscioni hanno partecipato ben 70 personalità italiane dello spettacolo, della medicina e del giornalismo che in soli tre minuti appaiono per sostenere questa nuova campagna a favore dell'eutanasia. Tra di loro figurano Corrado Augias, Marco Bellocchio, Emma Bonino, Marco Cappato, Maurizio Costanzo, Rosanna D'Antona, Vittorio Feltri, Filomena Gallo, Giulia Innocenzi, Selvaggia Lucarelli, Mara Maionchi, Neri Marcorè, Aldo Nove, Paolo Mieli, Marco Pannella, Rocco Papaleo, David Parenzo, Platinette, Roberto Saviano, Umberto Veronesi e Mina Welby.

È la prima volta che un gruppo così ampio di malati, personalità, medici, si uniscono per dare voce e volto a una grande questione sociale: la libertà di scegliere come morire. Chiamando in causa i Parlamentari e l'inerzia delle istituzioni, i protagonisti del video indicano la speranza in un'altra politica, capace di occuparsi di vita e libertà più che di affari e potere,

ha affermato Marco Cappato dei Radicali, promotore del progetto Eutanasia Legale che si prefigge anche di promuovere la regolamentazione del testamento biologico con le ultime volontà.

Questo nuovo video arriva dopo quello di Gennaio scorso con la canzone Vivere di Vasco Rossi prestata quale colonna sonora alla sensibilizzazione al dibattito sull'eutanasia, e dopo i dati emersi dall'Istituto di Medicina Legale di Zurigo che ha registrato un incremento degli italiani in Svizzera per la dolce morte legalizzata, che hanno fatto riaprire il discorso sull'eutanasia legale per quel che riguarda i malati di patologie neurodegenerative irreversibili come Parkinson e SLA.

Al video è legato l'hashtag #LiberiFinoAllaFine per la diffusione della campagna sui social.

Via | Comunicato stampa, Ansa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO