Bronchite acuta: sintomi, cause e cure

E' uno dei malanni stagionali più comuni tra adulti e bambini: la bronchite acuta. Vediamo quali possono essere le cause, e come si cura


La bronchite acuta è una malattia infiammatoria di natura infettiva, in genere provocata da agenti patogeni come virus e batteri. Abbastanza comune tra i bambini e gli adulti soprattutto nel periodo invernale, la bronchite acuta è meno pericolosa di quella cronica, ma non va comunque sottovalutata perché può degenerare in broncopolmonite.

I bronchi sono delle ramificazione tubolari che fanno parte del nostro apparato respiratorio, il loro compito è quello di collegare la trachea ai polmoni convogliandovi l’aria ispirata dalle vie nasali.

Bronchite-acuta

Nei bambini spesso la bronchite insorge come complicanza da altre patologie infettive, tra cui varicella, morbillo e pertosse, ma anche da un semplice raffreddore. A scatenare l’infezione sono comunemente gli stessi virus che causano le principali malattie da raffreddamento (tra cui l’influenza stagionale), ma in alcuni casi il germe patogeno è un batterio come il Pneumococco o lo Stafilococco.

Infine, esistono anche microrganismi che si situano a metà strada tra virus e batteri, ovvero il Mycoplasma pneumoniae e la Chlamydia pneumoniae. I sintomi principali della bronchite acuta sono i seguenti:


  • Malessere generale
  • Talvolta febbre (non sempre presente e spesso inferiore ai 38° e mezzo)
  • Tosse prima secca e stizzosa e poi grassa, che insorge spesso nelle ore notturne
  • Produzione di catarro denso e giallastro

La diagnosi di bronchite prevede una prima analisi del medico di famiglia che con il fonendoscopio ascolta il respiro del paziente per individuare i segnali di una infiammazione interna (ovvero rantoli, fischi, suoni irregolari). Successivamente, per avere la certezza della malattia, si dovrà sottoporre il soggetto ad una radiografia toracica che evidenzierà il processo infiammatorio in atto.

Se necessario, poi, si procede anche ad un esame citologico dell’espettorato, per individuare quali germi patogeni abbiano causato la bronchite e stabilire le terapia farmacologica giusta. Le cure per una bronchite acuta virale sono solo sintomatiche, perché in genere l’affezione guarisce da sola nel giro di una settimana, massimo 10 giorni.

Per ridurre il catarro e la tosse si possono assumere degli sciroppi mucolitici, ma anche una corretta alimentazione può facilitare lo scioglimento del muco e alleviare il senso di oppressione. La febbre, se alta, si potrà abbassare con un semplice antipiretico da banco con effetto antinfiammatorio. Se, però la bronchite acuta ha un’origine batterica, deve esser curata con farmaci antibiotici, in particolare penicilline, che permettono di debellare del tutto l’infezione nel giro di una settimana.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 340 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO