I sintomi dell'ictus e le prime immediate cure da prestare

L'ictus è un evento improvviso e molto grave che si verifica quando una parte del cervello rimane priva di ossigeno a causa del mancato afflusso di sangue. Vediamo i sintomi e il primo intervento

I-sintomi-dell-ictus.jpgRiconoscere precocemente i sintomi di un ictus può letteralmente salvarci la vita. Questo evento, infatti, può essere letale, o comunque, se non trattato tempestivamente, lasciare strascichi pesanti sulle condizioni generali di salute e sull'autonomia di chi ne viene colpito. 


Ictus è un termine latino che significa, genericamante, "colpo", e in medicina indica un evento improvviso determinato dalla insufficiente o totalmente assente ossigenazione di una parte del cervello a sua volta conseguenza di un mancato afflusso di sangue nell'area colpita.

Sebbene un tempo il rischio di ictus fosse relegato all'anziantià, quando non alla vecchiaia, oggi l'età si è abbassata di molto, proprio come sono aumentati notevolmente i fattori di rischio. A bloccare l'afflusso ematico verso la regione cerebrale, infatti può essere un'ischemia o un'emorragia. Nel primo caso - ictus ischemico - la causa è un'ostruzione di uno dei vasi che irrorano il cervello da parte di un embolo di grasso o di un trombo sanguigno. 


Nel secondo, più grave rispetto al precedente ma anche meno frequente, avremo un'improvvisa rottura di un vaso sanguigno cerebrale con formazione di ematomi. Come anticipavamo, l'età media dell'ictus ischemico è scesa tanto che ora tra i soggetti a rischio troviamo uomini e donne poco sopra i 50 anni, e questo a causa della maggior incidenza di obesità, ipercolesterolemia e ipertensione. Per mantenere le arterie pulite e il sangue fluido fino a tarda età, infatti, è necessario seguire uno stile di vita sobrio e salutare, evitare stravizi come il fumo, l'alcool, il cibo spazzatura, e fare moto.


In ogni caso, l'insorgenza di un ictus viene anticipato da 5 campanelli d'allarme che tutto dovremmo essere in grado di riconoscere:



  • Improvviso intorpidimento di un lato del corpo, dalla testa ai piedi

  • Stato di confusione mentale, incapacità a comprendere il senso logico delle parole

  • Forte mal di testa

  • Capogiro, vertigine

  • Offuscamento della vista anche monolaterale


Se qualcuno vicino a noi presenta questi sintomi non c'è tempo da perdere e si deve chiamare immediatamete il 118. Più rapido sarà il soccorso, più probabile sarà evitare conseguenze drammatiche per la persona colpita. L'ictus emorragico, più grave, può anche richiedere un intervento chirurgico d'urgenza per rimuovere l'ematoma, mentre l'ictus ischemico potrebbe essere risolto "solo" attraverso una immediata terapia trombolitica per sciogliere l'embolo che ostruisce l'arteria cerebrale.


Dopo un ictus sovente la persona necessita di una terapia riabilitativa, perché la mancata ossigenazione del cervello può avere delle conseguenze invalidanti sulle facoltà psichiche, intellettive o motorie di pertinenza dell'area colpita. Ecco perché individuare subito i sintomi sì da permettere un pronto ed efficace intervento è così cruciale. Non di meno, la cura migliore rimane la prevenzione.


 


 


Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail