Arnica: proprietà, benefici ed effetti collaterali

Ecco quali sono i benefici dell'Arnica, le controindicazioni e come usare questo rimedio naturale.

Arnica

Arnica Montana - L'arnica è una pianta ad arbusto che cresce spontaneamente nei prati d'Europa e del Nord America, caratterizzata da un bel fiore dai petali giallo intenso, dotata di importanti proprietà terapeutiche note fin dall'antichità. L'Arnica Montana, questo il nome scientifico della pianta, contiene infatti sostanze utili per curare ferite ed ecchimosi, ed altre condizioni. Scopriamo insieme quali sono le proprietà di questa pianta, gli effetti benefici e le controindicazioni da non sottovalutare.

Arnica: i benefici

Come abbiamo detto, l'Arnica Montana può offrire molti benefici per la nostra salute, ed è utilizzata per il trattamento di svariate condizioni. Ma quali sono le condizioni patologiche che possono essere trattate con l'arnica? Scopriamole insieme:


  • Contusioni

  • Gravi shock psicofisici e spaventi

  • Ferite e traumi esterni

  • Emorragia cerebrale

  • Cardiopatie

  • Ecchimosi, eruzioni cutanee

  • Stati di alterazione di coscienza, torpore

  • Infezioni

  • Interventi chirurgici

  • Setticemia

  • Emorroidi ed epistassi

  • Nausea e vomito

Arnica: le proprietà

L'arnica è disponibile in diversi formati. Il più comune è certamente la pomata, ma potete trovare anche l'arnica in granuli o in compresse, sotto forma di oli, gocce, arnica gel e fiale. Le sue "aree di intervento" riguardano i vasi sanguigni, i nervi, i tessuti molli del corpo, gli organi dell'apparato digestivo, anche se la sua specificità è quella di essere un rimedio da usare in caso di trauma. Ma come si utilizza l'arnica?

Essendo un rimedio naturale molto potente, la posologia va stabilita in base all'entità del trauma stesso. L'arnica si può usare anche in forma di decotto. Basterà procurarsi i fiori freschi della pianta (dal nostro erborista di fiducia). Ce ne servono due cucchiai per un'applicazione, da far bollire in un litro d'acqua per cinque minuti. Si filtra il succo ricavato e si applica sulle parti che abbiano subito una lesione, o una distorsione muscolare con una garza. Il decotto va fatto agire per circa 20 minuti.

Arnica: gli effetti collaterali

Alle dosi corrette, l’arnica dovrebbe essere sicura, ma prima di assumerla chiedete sempre il parere del vostro medico curante. In alcune persone, se assunta per via orale l’arnica potrebbe causare irritazione alla bocca e alla gola.

Arnica: le controindicazioni

Nonostante si tratti di un rimedio naturale, le controindicazioni dell'arnica non devono essere sottovalutate. Non assumete l’arnica in compresse e non applicate l'arnica in pomata sulla pelle in caso di gravidanza o allattamento al seno. Questo rimedio naturale potrebbe provocare anche delle reazioni allergiche nelle persone sensibili alle piante della famiglia delle Asteraceae/Compositae; non applicate l'arnica sulle ferite aperte, ed evitate di assumerla se soffrite di sindrome del colon irritabile (IBS), ulcere, malattia di Crohn, o altre condizioni intestinali. L’Arnica potrebbe anche aumentare la frequenza cardiaca, quindi evitate questo rimedio se soffrite già di questo disturbo, e lo stesso vale per chi soffre di pressione alta, poiché l‘Arnica potrebbe aggravare il problema.

via | Informasalus, Cure-Naturali, Webmd

Vota l'articolo:
3.95 su 5.00 basato su 165 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO