Autismo, il profumo della mamma aiuta i bambini

Scritto da: -

L'odore della mamma aiuta i bambini autistici ad imitare le azioni degli altri

Profumo-della-mamma.jpg

 

Il profumo della mamma è importante per i bambini autistici, e a rivelarlo sarebbe stato un interessante studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Psicologia generale dell’Università di Padova, i cui risultati sarebbero stati pubblicati sulle pagine della rivista “Biological Psychiatry“. Secondo quanto riscontrato dai ricercatori, sembra che in casi di autismo (malattia che riguarda un bambino ogni 150), sentire l’odore della mamma aiuterebbe i bambini ad imitare le azioni degli altri. 

Lo studio sarebbe stato condotto su un campione di 20 bambini con la sindrome dello spettro autistico, di età compresa tra i 10 e i 14 anni, che sono stati confrontati con un gruppo di 20 bambini sani. L’intero campione sarebbe poi stato studiato per comprenderne il comportamento sociale di fronte a un compito come quello di imitare un’azione compiuta da un’altra persona, sia essa la madre oppure un estraneo.

 

Per condurre la ricerca, sarebbero stati utilizzati poi dei campioni delle secrezioni delle ghiandole ascellari delle mamme. I bambini avrebbero dovuto imitare il gesto di una persona (come prendere un oggetto) dopo averla osservata. Secondo quanto riscontrato, pare che - contrariamente ai bambini non autistici - quelli sano imitavano il gesto della persona a prescindere dall’odore dell’oggetto. Al contrario, i pazienti autistici sarebbero invece condizionati dall’odore della madre, che impregna l’oggetto.

 

“Lo studio - ha spiegato Umberto Castiello, capo della ricerca - dimostra come i bambini affetti da autismo siano maggiormente ’sensibili’ a un senso ancestrale di conoscenza qual è, appunto, l’olfatto che in questo caso gioca un ruolo decisamente importante nelle interazioni sociali. Questo risultato rappresenta una importante indicazione per trattamenti che hanno lo scopo di insegnare a questi bambini con autismo i comportamenti sociali”.

 

via | TgCom

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!