Fumare cannabis fa aumentare il rischio ictus

Fumare cannabis potrebbe aumentare il rischio di avere un ictus secondo una recente ricerca

 


Fumare cannabis potrebbe aumentare il rischio di avere un ictus o Tia (attacco ischemico transitorio)? Sembrerebbe proprio di si. A renderlo noto sarebbe stato un gruppo di ricercatori guidati dal dottor Alan Barber dell'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, che avrebbero reso noti i risultati della loro ricerca i occasione della conferenza internazionale "Stroke 2013", in corso ad Honolulu, promossa dalla "American Stroke Association". Secondo quanto emerso da recenti studi, sembrerebbe che - oltre ai danni che ormai ben conosciamo - fumare marijuana, che sarebbe considerata la sostanza "illegale" più consumata al mondo, potrebbe raddoppiare il rischio di ictus nei giovani adulti.

I ricercatori dell'Università di Auckland avrebbero infatti esaminato 160 casi di ictus in un gruppo di persone la cui età varia dai 18 ai 55 anni, ed attraverso i campioni di urine presi al momento dell'accettazione in ospedale, avrebbero constatato che, nel 16% dei casi, vi sarebbero stati dei risultati positivi ai test per la marijuana, contro l'8,1% del gruppo di controllo (ovvero gli altri degenti di età e condizioni simili, ma ricoverati per patologie diverse dall'ictus).


 


Attraverso i dati emersi dalla ricerca della University of Auckland, si sarebbe dunque dedotto che vi sarebbe una correlazione fra l'utilizzo della marijuana e l'incidenza di ictus in giovane età.


 


Ciò implicherebbe che - secondo quanto emerso dalla recente ricerca - le persone che fumano marijuana avrebbero una probabilità più che doppia (2,3 volte superiore) di incorrere in un ictus. Voi cosa ne pensate di questi risultati? 


 


via | Corriere


Foto | Flickr 

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO