Giornata del diabete 2012: il 10 e l'11 novembre in piazza ad "occhi aperti"

Scritto da: -

Mercoledì 14 novembre 2012 si celebra la 12esima Giornata Mondiale del Diabete. Per l'occasione Diabete Italia ha organizzato un week end di eventi in 500 piazze per dire: "Contro il diabete occhi aperti!". Tutte le informazioni nel post

giornata-diabete-2012.jpg

Contro il diabete occhi aperti“. E’ questo lo slogan scelto da Diabete Italia per celebrare la 12a edizione della Giornata Mondiale del Diabete che, come indicato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si celebra in più di 160 Paesi il 14 novembre. In Italia, il consueto appuntamento, è anticipato da un weekend di eventi e attività informative il 10 e l’11 novembre in circa 500 piazze. Ecco perché è importante tenere gli “occhi aperti“.

PROBLEMA DA NON SOTTOVALUTARE. Il diabete non è una patologia da prendere con leggerezza. Il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 la annovera tra le patologie croniche che necessitano di maggiore attenzione. E a ragion veduta. I costi del Diabete per il budget della sanità italiana ammontano al 9 per cento delle risorse. Una percentuale che risulta particolarmente pesante in un momento di crisi (e di tagli) come quello che stiamo attraversando, tanto più se si pensa che la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 potrebbero essere prevenuti con semplice cambiamenti nello stili di vita. Quali? Dieta sana, almeno trenta minuti di moderato esercizio fisico quotidiano e controlli periodici.

Battere il diabete sul tempo è dunque possibile e l’intervento precoce produce significativi risparmi nei costi sanitari a lungo termine, ma soprattutto benefici per ciascuno di noi fin da subito. Viceversa, abbassare la guardia vorrebbe dire lasciar campo libero al diabete. Si è stimato che continuando di questo passo il diabete passerà entro il 2030 dall’undicesima alla settima causa di morte nel mondo e nei Paesi industrializzati sarà al quarto posto, dopo malattie cardiovascolari, cerebrovascolari e tumori delle vie respiratorie, ma molto più avanti rispetto ad altri tipi di tumore. Oltre a ridurre le aspettative di vita, il diabete è causa di serie complicanze: malattie cardiovascolari, renali, cecità, amputazione, cardiopatia ischemica, neuropatie e retinopatia.

TUTTI IN PIAZZA. Per sensibilizzare la popolazione e favorire la prevenzione il 10 e 11 novembre saranno allestiti presidi diabetologici dove, grazie al volontariato di medici, operatori sanitari, infermieri e associazioni di pazienti, tutti i cittadini potranno ricevere materiale informativo, consulenza medica qualificata, ma soprattutto potranno effettuare gratuitamente l’esame della glicemia. Da una piccola goccia di sangue, ottenuta con una semplice puntura sul polpastrello di un dito, è possibile conoscere il livello del glucosio nel sangue (glicemia). In occasione dell’”appuntamento con le piazze” sarà inoltre possibile compilare un questionario diagnostico per scoprire la propria percentuale di rischio diabete da qui a 10 anni.

Per questa edizione sarà distribuito nelle piazze anche materiale informativo sul diabete infantile per far riconoscere in tempo i primi segni del Diabete di tipo 1 e sensibilizzare sui rischi maggiori per chi si ammala di diabete tipo 2 da piccolo (un problema sempre più diffuso che va di pari passo con l’epidemia di obesità tra i bambini). Ma le iniziative in programma a livello nazionale e locale saranno molte di più. Tutte potranno essere consultate sul sito www.giornatadeldiabete.it.

La Giornata Mondiale del Diabete è promossa da Diabete Italia, un’Associazione che vede riuniti allo stesso tavolo le società scientifiche di diabetologia dell’adulto, quelle scientifiche di diabetologia pediatrica, i rappresentanti delle associazioni delle persone con diabete in età adulta e in età pediatrica, i rappresentanti delle associazioni professionali degli infermieri e dei podologi in una sorta di alleanza comune per la gestione delle problematiche cliniche e sociali delle persone con diabete.

La Giornata del Diabete si svolge sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Salute, del ministero del Lavoro e Politiche Sociali, del Ministero dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca, del ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e della Croce Rossa Italiana. I cittadini potranno conoscere la piazza più vicina visitando il sito a questa pagina.

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 2 voti.