Disfunzione erettile rimedi: le nuove terapie per una riabilitazione a lungo termine

Contro la disfunzione erettile ci sono nuovi farmaci che promettono di risolvere il problema a lungo termine e senza complicazioni cardiache

impotenza-rimedi.jpg


Si calcola che dai 40 anni gli uomini possano iniziare ad avere qualche problemino di erezione.

L'ultima scoperta arriva dal Policlinico dell'Università  di Palermo dove i ricercatori, coordinati dal Prof. Carlo Pavone, docente di Urologia presso l'ateneo siciliano e dal Prof. Salvatore Novo, direttore dell'unità operativa di Cardiologia, stanno conducendo uno studio che coinvolge oltre 500 pazienti cardiopatici (il numero totale sarà circa 2000) dei quali cinquanta  presentano anche problemi di disfunzione erettile. 


In questi pazienti l'assunzione dei famosi inibitori delle fosfodiesterasi 5 è, infatti, controindicata nei casi in cui sia necessario somministrare nitrati o quando l'evento cardiovascolare è recente. 


Il nuovo protocollo prevede l'assunzione di un integratore naturale al 100%, il tradamix, composto brevettato che contiene l'alga ecklonia bicyclis, il tribulus terrestris e la glucosamina, un estratto naturale. Ad oggi i risultati ottenuti dimostrano un aumento significativo di circa l'80% dell'IIEF5 score (il questionario di valutazione del deficit erettile) e un miglioramento dei livelli di testosterone in quei pazienti con bassi valori pre-somministrazione del composto.


Carlo Pavone, Professore di Urologia all'Università degli Studi di Palermo e direttore della Unita Operativa di  Urologia e Andrologia del Policlinico, spiega:


"La nostra ricerca prevede dei test di valutazione della funzione endoteliale della circolazione sanguigna e il dosaggio dei livelli di testosterone nel sangue. Di fronte ad un disagio sessuale bisogna rassicurare il paziente, facendogli capire che non ha nessun problema reale, oppure prescrivendo una terapia quando è il caso. I nostri studi dimostrano che  laddove non è possibile agire con farmaci specifici, per precise incompatibilità dovute a terapie cardiologiche, si può supportare l'attività sessuale con degli integratori naturali". 


Talvolta questo tipo di problematiche sono indice sentinella di patologie occulte che, oltre a peggiorare la qualità di vita dei pazienti, sono causa di malattie cardiovascolari.  


Per questo l'Università di Palermo ha deciso di avviare anche un secondo studio per sperimentare l'efficacia delle nuove terapie per il deficit erettile. In questo caso il trattamento è di tipo "continuativo", ovvero non più un farmaco da assumere a dose piena in previsione di un rapporto sessuale ma la riabilitazione a lungo termine della funzione sessuale


Pavone prosegue:


"Come suggerito dalle più recenti linee guida internazionali, i pazienti che lamentano deficit erettile vengono prima sottoposti ad alcuni esami al fine di escludere patologie sottostanti che possano esser causa del disturbo e successivamente si prescrive loro il protocollo terapeutico più adatto. I risultati conseguiti sui nostri pazienti dimostrano che tale terapia permette di riacquistare la funzionalità erettile e mantenere nel tempo i benefici ottenuti".


LINK UTILI


Disfunzione erettile, la soluzione in rete?


Sessualità e disfunzione erettile: colpisce il 50% degli uomini.


Impotenza rimedi naturali: dall'alga Ecklonia Bicyclis il principio attivo del Tradamix.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 26 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO