Obesità in Italia: colpisce il 10% della popolazione, 43% nel 2025

L'obesità è ormai considerata una piaga sociale: quali le soluzioni? Se ne è parlato a Roma in una giornata di informazione e sensibilizzazione al "Rome American Hospital".

cibo-spazzatura-obesità-.jpg


L'obesità è sicuramente uno dei principali problemi sanitari del nostro Paese, al punto che è ormai considerata una "piaga sociale" in quanto causa di patologie secondarie come il diabete di tipo 2, l'ipertensione, la cardiopatia coronarica e alcuni tipi di cancro.

I dati a riguardo sono allarmanti: secondo l'Istat, il 10% della popolazione italiana è obesa e si prevede che nel 2025 la percentuale arriverà addirittura al 43%.


Ma quando si è considerati obesi? Gli esperti dicono che un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30 identifica uno stato di obesità e rappresenta un grave rischio per la salute. Un BMI superiore a 40 è classificato invece come obesità patologica. In questo caso, la malattia può essere fatale.


Di obesità in tutti i suoi aspetti, dall'individuazione della patologia, alla cura più appropriata per ogni paziente, all'esperienza di chi ha affrontato un percorso di cura, si è parlato oggi nel corso della giornata di sensibilizzazione e informazione che si è tenuta presso il Rome American Hospital.


Focus dell'iniziativa l'insostituibile sinergia tra i medici di famiglia - primo passo per il paziente nel percorso di cura - e gli specialisti che, con un approccio multidisciplinare, affrontano e curano questa malattia che colpisce un numero sempre maggiore di persone. Un'alleanza che si realizza attraverso il dialogo, che parte dal racconto delle esperienze dei pazienti e si allarga ai contributi dei protagonisti in "camice bianco".


L'incontro è stato organizzato da "Il Sentiero", un'associazione di pazienti ex obesi che, in collaborazione il Rome Obesity Center - il primo Centro a Roma per la cura dell'obesità attivo presso il Rome American Hospital - hanno raccontato le proprie esperienze ersonali, dando vita, con il coinvolgimento attivo di un gruppo di specialisti, ad un dibattito a tutto tondo sull'argomento. Un modo inedito per affrontare il problema dell'obesità che punta molto sul racconto esperienziale degli ex obesi che sono riusciti a superare il problema.


Per quanto riguarda le cure più appropriate per sconfiggere l'obesità, gli specialisti del Rome Obesity Center sono i primi a mettere in guardia: ogni caso è a sé, quindi la terapia deve essere personalizzata sempre e comunque. Se l'obiettivo finale è raggiungere una cura "tagliata su misura", l'approccio terapeutico non potrà che essere multidisciplinare. In altre parole, dovrà far leva sul lavoro sinergico tra più figure mediche: il dietologo, il chirurgo, lo psicologo, ecc. I trattamenti "dolci", ad esempio, si rivelano un prezioso supporto per approdare a una vita più leggera. Per i casi più gravi, per esempio quelli in cui l'obesità è associata ad altre malattie, la soluzione che garantisce i risultati migliori è senz'altro la chirurgia dell'obesità o bariatrica, che negli ultimi anni ha fatto grandi passi in avanti. Consente infatti di perdere peso in modo significativo nel lungo termine, quando tutte le altre forme di trattamento hanno fallito e che quindi può cambiare (o addirittura salvare) la vita a molti obesi.


LINK UTILI


Obesità Infantile: Spagna leader mondiale.


Alimentazione e obesità: cosa evitare dall'infanzia all'età adulta.


Obesità: quanto incide sulla qualità della vita.


Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO