Cos'è il forame ovale pervio, i sintomi, la terapia e l'intervento al cuore

Scritto da: -

E' un'anomalia cardiaca molto diffusa che può aumentare il rischio di ictus. Ecco di cosa si tratta e cosa si deve fare in sua presenza

I rudimenti di anatomia che vengano insegnati in tutte le scuole parlano chiaro: il cuore è formato da due metà distinte. In realtà esiste un'anomalia cardiaca, definita forame ovale pervio, in cui la parte destra comunica con quella sinistra. Presente in una percentuale che secondo le stime può arrivare al 40% della popolazione adulta, in condizioni normali questa condizione non porta a sintomi o problemi particolare, ma non mancano i casi in cui può contribuire alla comparsa di un evento altamente indesiderato: l'ictus cerebrale. Ma perché in alcune persone il forame ovale è pervio?

In realtà tutti noi, durante la nostra vita fetale, abbiamo il forame ovale pervio. La sua presenza consente al sangue di non passare dai polmoni, che in questi momento sono ancora inattivi. L'ossigeno necessario agli organi e ai tessuti in via di sviluppo proviene direttamente dalla mamma, che fa respirare il piccolo attraverso la placenta e i vasi sanguigni del cordone ombelicale. Proprio per escludere i polmoni dalla circolazione il sangue passa direttamente dalla parte destra a quella sinistra sfruttando due aperture. Un di queste è il forame ovale, che al momento della nascita dovrebbe chiudersi grazie alla presenza di una membrana, il septum primum, che si accolla al forame spinta dai cambiamenti della pressione del sangue e che in genere si salda alla parete del cuore entro il primo anno di vita.

In alcuni casi questa saldatura non si verifica. Di conseguenza, a seconda della pressione nel cuore e delle dimensioni del forame pervio una quantità variabile di sangue può passare da un atrio all'altro. In questi casi eventuali coaguli che si sono formati nelle vene possono passare nelle arterie, causando embolie periferiche e ictus cerebrali. Per questo motivo in caso di ictus deve essere vagliata la possibilità che sia presente un forame ovale pervio, soprattutto quando ad essere colpito dal problema è una persona giovane (di età inferiore ai 60 anni) in cui non sono presenti altre possibili cause. Inoltre il formane ovale pervio può essere rischioso per chi pratica immersioni subacquee, che in presenza di questa anomalia cardiaca può andare incontro a gravi forme di malattia di decompressione anche se le immersioni vengono eseguite nel rispetto di tutte le norme di sicurezza.

In genere in assenza di un ictus cerebrale o di un attacco ischemico transitorio (TIA) pregresso il forame ovale pervio non viene trattato in nessun modo, altrimenti è consigliata una terapia per ridurre il rischio di recidive. Fra i farmaci prescritti sono inclusi gli anticoagulanti orali (ad esempio il Coumadin) o gli antiaggreganti piastrinici (come l'aspirina). Altre volte (come nel caso portato alla ribalda delle cronache del marò Massimiliano Latorre) può essere necessaria la chiusura del forame ovale pervio. Oggi l'uso di protesi artificiali applicabili per via percutanea (cioè attraverso la pelle) permette di farlo evitando l'intervento chirurgico. La decisione su se correggere o meno l'anomalia può comunque essere presa solo dopo aver consultato diversi specialisti che dipingendo un quadro d'insieme permettano di tenere presenti tutti i fattori in gioco.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | panvascular.com ; Humanitas

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

Vota l'articolo:
3.97 su 5.00 basato su 67 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Cos'è il forame ovale pervio, i sintomi, la terapia e l'intervento al cuore

    Posted by:

    Salve, all\'età di 49 mi hanno riscontrato il forame ovale pervio, dopo vari accertamenti, l\'ultimo con risonanza hanno deciso di non operarmi e di continuare con la cardioaspirina, ora mi domando non sarebbe meglio inserire lombrellino e finirla là.Qalcuno mi sa rispondere in merito su quale soluzione anche perchè sono brevettato sub a fino -39 metri, lo potro ancora fare???? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Cos'è il forame ovale pervio, i sintomi, la terapia e l'intervento al cuore

    Posted by:

    Salve.La mia nipotina ha 5settimane.Chome da la nascita avyua problemi gravi,anno fatto tutti acertamenti piu profondi e diagnosticati anche forame ovale pervio.Sono disperata.Psiamo avere esperanza,che cho la crescita si agiusta dasolo? Scritto il Date —