Batterio killer: scagionato il cetriolo, si pensa a fonte animale

Non sarebbe il cetriolo proveniente dalla Spagna ad aver causato l'epidemia del cosiddetto batterio killer, bensì una fonte animale.

ecoli-animali.jpg


Non si placa l'allarme per l'epidemia originata dal batterio dell'Escherichia coli che al momento ha provocato ben 17 decessi e contagiato 1000 persone in Germania e almeno 600 in altri Paesi: Svezia, Danimarca, Gran Bretagna, Austria, Svizzera e Olanda, Inghilterra.


Gli esperti - riporta Repubblica - spiegano:


"I risultati di laboratorio hanno individuato il sierogruppo Stec 0104:H4 (Stx2-positivo, eae-negativo, hly-negativo, ESBL, aat, aggR, aap) come l'agente responsabile. Questa variante è altamente infettiva e tossica e resistente ad alcuni tipi di antibiotici".


Al momento, sono stati scagionati i cetrioli spagnoli, come spiega il commissario Ue alla Salute John Dall:


"Non c'è alcuna prova che i cetrioli spagnoli siano la causa del contagio. I test indicano che i cetrioli in generale e quelli spagnoli in particolare non hanno dato un risultato positivo per questo ceppo che causa il contagio"

Hilde Kruse, esperta di sicurezza alimentare all'Oms, - riporta il Corriere - spiega:


"Si potrebbe pensare che l'epidemia generata dal batterio dell'E. coli provenga da una fonte animale. Molti animali sono spesso ospiti di vari tipi di batteri dell'E. coli che producono tossine".


Molti scienziati sospettano che all'origine dell'infezione ci sia letame contaminato usato per fertilizzare i vegetali.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: