Tabelle controlla-alcool: servono davvero? Lasciate un commento!

tabellealcool.jpg

Stasera attenti al bicchierino di troppo, da oggi infatti potrete misurare il vostro livello di alcol in corpo grazie alle tanto discusse tabelle controlla-alcol, d'obbligo in tutti i locali.

L'obiettivo è ovviamente quello di informare e ridurre il rischio di incidenti stradali, ma è davvero un provvedimento utile? Sul web esplode il dibattito, secondo Egisto Soldi del blog Mondo Auto, innanzitutto "gli ubriachi se ne fregano delle tabelle. Ci vuole la Polstrada e poi giudici che diano pene severe" e poi le tabelle sono inutili perchè troppo complicate. "A parità di assunzione di alcol, all'aumento del peso pensavo si riducesse l'alcolemia" continua Mondo Auto, ma le tabelle sembrano seguire un'altra logica (come dimostra qui).

Emanuela zerbinatti di Arte e salute informa che dipende da tanti fattori: "dove si distribuiscono le sostanze e questo dipende anche dalla loro liposolubilità o al contrario idrosolubilità, se c'è possibilità di accumulo in qualche organo con rilascio lento a distanza di tempo, quanto tempo passa dall'assunzione"...

Un po' complicato, no? Ricordate quando Striscia nell puntata del 30/10/07 ha scoperto che basta anche farsi gli sciacqui col colluttorio per far impennare il tasso alcolemico? Intanto Arte e salute ci informa degli effetti momentanei dell'alcol: "riduce l'ansia, facilita le relazioni e solleva l'umore. È stato tuttavia dimostrato che l'alcol aumenta, soprattutto nelle donne, il rischio di prendere decisioni impulsive e di non riuscire a trattenere risposte inappropriate".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO