Allergie, un rimedio efficace è l'agopuntura

Scritto da: -

Combattere le allergie con l'agopuntura è possibile. ecco i risultati di un interessante studio

Allergie.jpg

 

Combattere le allergie con l’agopuntura? Perché no! Secondo un recente studio condotto da un team di ricercatori, coordinato dal dottor Benno Brinkhaus del “Charite-University Medical Center” di Berlino e pubblicato sulle pagine della rivista “Annals of Internal Medicine“, pare proprio che grazie all’agopuntura, sarà presto possibile combattere ancor meglio i fastidiosi sintomi della rinite allergica stagionale. Lo studio sarebbe stato condotto su un campione di 422 persone affette da allergie stagionali, che sarebbero poi state suddivise in tre sottogruppi. 

I membri di ciascun gruppo sarebbero stati poi curati con un trattamento con l’agopuntura, un trattamento di finta agopuntura (ovvero agopuntura praticata su dei punti del corpo che non sono però quelli utilizzati dall’agopuntura) o infine, con un trattamento farmacologico con antistaminici.

 

Dopo otto settimane di terapia con agopuntura (ovvero dopo 12 sedute di trattamento) il 71% dei pazienti avrebbe affermato di aver riscontrato dei miglioramenti dei sintomi della loro allergia, e per quanto riguarda i pazienti trattati con la finta agopuntura, il 56% di essi avrebbe riferito un miglioramento dei sintomi.

 

Nello specifico, in una scala da 0 a 6 (dove i punteggi più bassi stanno ad indicare meno sintomi), i sintomi dell’allergia sarebbero scesi tra le persone del gruppo dell’agopuntura di 2,7-1,7 punti, tra i pazienti trattati con la finta agopuntura di 2,3-1,8 punti, mentre tra i pazienti trattati con antistaminici si sarebbe scesi da 2,5 a 2,2 punti.

 

E’ ben noto che normalmente le allergie vengono trattate con i farmaci, farmaci che spesso hanno effetti collaterali fastidiosi. Proprio per questa ragione, lo studio del Charite-University Medical Center dimostrerebbe che praticare l’agopuntura potrebbe rappresentare un valido complemento ai trattamenti tradizionali, in modo da poter diminuire quantomeno i dosaggi dei farmaci, per un maggiore benessere del paziente.

 

via | La Stampa

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.