Crisi economica: cambiano le abitudini alimentari degli italiani

Scritto da: -

In Italia si consuma sempre meno frutta e verdura. Nel post ti spieghiamo perché.

frutta-verdura-coldiretti.jpg

Ormai tutti sanno che andrebbero consumate almeno 5 porzioni di frutta al giorno, ma sono in pochi a mettere in pratica questa regola fondamentale per un corretto stile di vita. 

C’è chi di frutta e verdura proprio non ne vuole sentire parlare e chi invece decide di rinunciare al loro acquisto a causa della crisi.

E’ la Coldiretti a lanciare l’allarme denunciando che gli acquisti di frutta e verdura delle famiglie italiane sono stati pari a circa 347 chili, con un calo di oltre 100 chili (-22 per cento) rispetto a dieci anni fa. 

I dati provengono dal Rapporto Osservasalute 2011 secondo il quale si registra, anche per effetto della crisi, per la prima volta, una flessione della frequenza di coloro che dichiarano di consumare 5 e più porzioni al giorno di verdura, ortaggi e frutta. 

Le famiglie italiane nel 2011 hanno acquistato 8,3 milioni di tonnellate di frutta e verdura fresche e surgelate per una spesa di 13,4 miliardi di euro. La riduzione nei consumi riguarda soprattutto le giovani generazioni con  il 23 per cento dei genitori che ha dichiarato che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura secondo i dati del progetto “Okkio alla salute”.

Pane, pasta, pesce, frutta, verdura, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari si sono dimostrati  un elisir di lunga vita per gli italiani che grazie alla dieta mediterranea hanno una speranza di vita alla nascita tra le più alte al mondo con una media 78,8 anni per gli uomini e 84,1 per le donne.  

Ma il futuro è preoccupante per effetto soprattutto del progressivo abbandono dei principi della dieta mediterranea a favore del consumo di cibi grassi e ricchi di zucchero come le bibite gassate da parte delle giovani generazioni. La situazione in Italia è drammatica con ben il 34 per cento dei piccoli cittadini italiani di 8 e 9 anni è lontano dal peso forma: oltre un milione e’ sovrappeso (22,1 per cento del totale) e 400mila (11,1 per cento) sono obesi. 

LINK UTILI:

Dieta mediterranea: benefica, ma siamo sicuri di quello che mangiamo?

Prezzi frutta e verdura a rischio speculazione a causa maltempo.

Cibo spazzatura tassa: piace agli italiani, ecco perché.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Scienzaesalute.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano