Doodle Google di oggi: dedicato a Heinrich Rudolf Hertz lo scopritore delle onde radio

Scritto da: -

Google dedica il Doodle del 22 febbraio 2012 a Heinrich Rudolf Hertz lo scopritore delle onde radio. Nel post la biografia dello scienziato.

doodle-hertz.gif

Questa mattina 22 febbraio 2012 accendendo il Pc per googlare alla ricerca delle news del giorno mi sono imbattuta in un nuovo simpatico Doodle dedicato al fisico tedesco Heinrich Rudolf Hertz.

Il Doodle di oggi, una gif, con i colori del brand di Palo Alto - spiega Mirko Cafaro su Cultura 2.0 -  per ricordare il fisico tedesco Heinrich Rudolf Hertz, in occasione del 155esimo anniversario dalla sua nascita. Un’animazione dalla quale scompare il nome del più cliccato portale al mondo, per lasciar spazio ad onde colorate e in continuo movimento. Una scelta, secondo consuetudine, non casuale e immediatamente riconducibile al destinatario.

Ma qual è stata la vita e quali le grandi opere di ingegno di Heinrich Rudolf Hertz?

Hertz fu il primo a dimostrare l’esistenza delle onde elettromagnetiche con un apparato di sua costruzione, il dipolo hertziano, in grado di emettere onde radio. E’ infatti proprio in suo onore che nel sistema internazionale la frequenza è misurata in hertz.

Come riporta Wikipedia, Hertz nacque ad Amburgo, in una famiglia di origini ebraiche convertitasi al Cristianesimo. Frequentò l’università a Berlino dove maturò presto un’attitudine per le scienze e le lingue, imparando l’arabo ed il sanscrito. Studiò scienze ed ingegneria nelle città tedesche di Dresda, Monaco di Baviera e Berlino. Fu studente di Gustav Robert Kirchhoff ed Hermann von Helmholtz.

Laureatosi nel 1880 rimase un pupillo di Helmholtz fino al 1883 quando ottenne la posizione di lettore di fisica teorica all’università di Kiel. Nel 1885 ricevette la cattedra all’Università di Karlsruhe e nello stesso periodo compì la scoperta delle onde elettromagnetiche denominate per un certo tempo onde hertziane).

In seguito ad un primo esperimento eseguito da Michelson nel 1881 (anticipatore del più celebre esperimento di Michelson-Morley del 1887) che escludeva l’esistenza dell’etere, egli riformulò le equazioni di Maxwell per tenere conto della novità.

Con un esperimento - informa sempre Wikipedia - egli dimostrò che dei segnali elettrici potevano essere inviati attraverso l’aria, come già predetto da James Clerk Maxwell e Michael Faraday e pose le basi per l‘invenzione della radio.

Hertz scoprì inoltre l’effetto fotoelettrico (la cui spiegazione teorica fu successivamente elaborata da Albert Einstein) osservando che oggetti elettricamente carichi perdevano la carica se esposti alla luce ultravioletta.

Morì all’età di trentasei anni a Bonn, in Germania.

LINK UTILI:

Doodle Google Heinrich Rudolf Hertz: a 155 anni dalla nascita dello scopritore delle onde radio

Doodle Google Charles Adams

Doodle Google 150 anni: l’Italia green della scuola elementare Borgo Rosselli

Doodle Google opera cinetica di Calder

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Scienzaesalute.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano