Pelle superprotetta con le alghe verdi-azzurre

Scritto da: -

I cianobatteri o microalghe verdi-azzurre sono organismi sopravvissuti sul pianeta ai primordi quando non v’era abbastanza ossigeno per bloccare la luce ultravioletta dannosa.

Mamma e bimbo sulla spiaggia

Essi combattono l’esposizione alle radiazioni producendo piccole molecole ’schermo’ chiamate MAAs (micosporine) che assorbono i raggi nocivi.

Studi precedenti sulla struttura chimica di queste molecole avevano già evidenziato le proprietà fotoprotettive delle micosporine algali, ma solo recentemente si è scoperto anche il meccanismo con cui esse vengono prodotte.

Un team di ricercatori della Harvard Medical School di Boston, guidato da Emily Balskus e Christopher Walsh, è riuscito, applicando un sistema di mappatura del genoma al cianobatterio Anabaena variabilis, a identificare geni ed enzimi responsabili del processo di biosintesi di questi schermi solari naturali.

Avevamo già visto come studi di scienziati italiani avessero individuato nella microalga Klamath un’elevata capacità di difesa della pelle e nei prodotti a base di Klamath la proprietà di ritardare i segni legati al fotoinvecchiamento e ottenere una pelle più luminosa e compatta.

Ciò grazie non solo alla presenza di micosporine, ma di tutto un ampio corredo antiossidante (clorofilla, ficocianine, AFA-fitocromo, caroteni…) in grado di bloccare la comparsa o rallentare l’evoluzione di displasie cutanee causate dai radicali liberi.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!