Il cibo, una via di relazione

Scritto da: -

Copertina di Il cibo è una fonte di gioia e di piacere, di cura e di dono, che va sottratto a quel meccanismo economico e sociale che lo riduce a pura merce.

Il cibo infatti ci introduce alla vita di relazione, è un modo per entrare in contatto con noi stessi e con l’altro, e in questo senso contribuisce allo sviluppo della nostra identità, dei nostri saperi e del nostro modo di percepire la realtà.

E’ il presupposto da cui parte il libro Il cibo, una via di relazione a cura di Maria Luisa Savorani edito da Fernandel, Ravenna.

«Oggi al cibo vengono attribuiti molti più significati rispetto al passato - scrive Savorani - diverse discipline se ne sono occupate, dalla psicologia, alla sociologia, ma il modo di accostarsi al cibo dipende anche e soprattutto dalla profondità con cui la persona lo vive e dai valori che ad esso attribuisce. Oggi condizionata dalla mancanza di tempo, questa relazione con il cibo ha assunto per molti il ruolo di pura funzionalità, privando la persona di benessere e di scambio affettivo. L’atto del mangiare diventa strumento, oggetto del vivere spogliato di significato. Questo libro vuole comunicare quanto il laboratorio di cucina sia invece un luogo in cui prevale un sentimento di forte intimità, e in cui il dolore può essere meglio elaborato, poiché i cibi trasmettono vita, energia, benessere, e possono cambiare anche i nostri pensieri».

Leggi la recensione del libro e l’introduzione dell’autrice.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!