Gli europei rifiutano gli OGM

Scritto da: -

Attivisti in azione in Spagna davanti al Ministero dell'Ambiente per chiedere una moratoria europea sugli Ogm La petizione lanciata da Greenpeace insieme ad Avaaz per chiedere una moratoria europea sugli OGM, fino a quando tutti i problemi scientifici ed etici inerenti alle coltivazioni transgeniche non saranno risolti, ha raccolto più di un milione di firme.

Questa petizione è la prima a essere presentata tramite la cosiddetta “iniziativa dei cittadini”, un principio introdotto dal trattato di Lisbona nel dicembre 2009 e che permette a un milione di cittadini europei di rivolgersi direttamente alla Commissione europea.

L’iniziativa è stata lanciata dopo che lo scorso marzo la Commissione aveva autorizzato, per la prima volta da 12 anni, la coltivazione di un OGM in Europa: una patata transgenica della BASF resistente agli antibiotici.

Una decisione che va contro la richiesta unanime dei Paesi membri, avanzata nel dicembre 2008, di rafforzare la procedura di valutazione per la sicurezza ambientale e verificare l’impatto delle colture OGM sulla vita di agricoltori e consumatori.

Numerosi paesi stanno citando la Commissione in sede di Corte di Giustizia europea per aver autorizzato questo OGM. In Italia le Regioni all’unanimità hanno recentemente annunciato in Commissione il loro compatto No alle coltivazioni OGM.

Per firmare la petizione

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!