Depressione e microalghe

Scritto da: -

Colonie di microalghe La feniletilammina (PEA) è un’ammina naturalmente prodotta dal nostro cervello negli stati di euforia e gioia  (al punto da essere definita “la molecola dell’amore”).

Essa contribuisce ad aumentare la quantità e l’attività della dopamina, e anche, si ipotizza, a modulare  l’azione della serotonina, e per questo svolge sia un ruolo naturalmente antidepressivo, sia una azione di normalizzazione dell’umore e dunque dello stress.

La PEA può essere considerata un simil-anfetaminico naturale in grado di produrre effetti di stimolo mentale ed energetico blandamente simili a quelli degli psicofarmaci. Ma la PEA è endogena al cervello umano, non crea assuefazione o tolleranza, e non ha alcun effetto collaterale.

L’Aphanizomenon flos aquae, più comunemente nota come alga Klamath, non solo contribuisce al benessere mentale e alla normalizzazione dello stress grazie alla sua ampia gamma di vitamine e oligoelementi minerali, che aiutano a riattivare numerosi sistemi enzimatici e metabolici direttamente coinvolti nel funzionamento del sistema nervoso, ma è anche l’unico cibo a tutt’oggi conosciuto che contiene in quantità significative la PEA.

La PEA della Klamath, una volta assunta oralmente, attraversa prontamente la barriera emato-encefalica e diventa immediatamente disponibile nel cervello. L’estratto naturale Klamin concentra a livelli più elevati la PEA contenuta nella microalga, aumentandone così gli effetti e l’efficacia.

Klamin si è dimostrato capace di produrre effetti nutriterapici importanti in problematiche come depressione e sbalzi di umore; cali di memoria, concentrazione e acutezza mentale; disordini dell’attenzione e dell’apprendimento.

L’azione nutraceutica, grazie alla presenza sinergica di altri nutrienti e molecole naturali, è fisiologica e priva di effetti indesiderati.

La scheda tecnica di Klamin.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!