I nemici della cultura

Scritto da: -

“I tagli del governo Berlusconi alla cultura e alla formazione non hanno nulla a che vedere con la necessità di ridurre sprechi, gestioni lobbystiche e carrozzoni politici. Questi tagli definiscono un’idea di civiltà nemica della cultura critica, dell’innovazione, delle arti contemporanee, della sperimentazione, delle produzioni indipendenti che nascono nei territori”. [zeropuntotre]


@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!