Giù. Giù. E ancora giù

Scritto da: -

Copertina del libro di Carlos Solito <

Il buio ha l’odore del muschio impastato alla terra.Le fauci di Su Sterru mettono addosso tremore. Non ho mai amato le grandi verticali. E mai le amerò. Soprattutto quando non portano a nulla. O meglio, quando sul fondo non si sono inventate un bel niente. Un salone. Un meandro. Una galleria bella di concrezioni. Un infido cunicolo spalmato di fango che porti a un maledetto altrove. Su Sterru è un perfetto cilindro che precipita dritto dritto, senza una piega, per duecentosettanta metri. Se un fesso passa dall’ingresso, ci getta una pietra e tu sei sotto, ci sono tutte le possibilità che ti centri. E dall’aldilà ti toccherà andargli in sonno per fargliela pagare. “Ma che ci andiamo a fare?”, dico a Paolo. Quello è già sulla corda al cospetto del passaggio litologico tra la glassa color cioccolato del basalto e il chiaro pan di spagna del calcare. Sparisce oltre il frazionamento. Guardo il cielo. Gli rubo gocce di luce con gli occhi. Là sotto ce ne sarà poca, poi niente. E io piangerò per la risalita. Lo seguo. Il baratro ingordo sbadiglia sotto gli scarponi. Frazionamento. Longe. Corda nel discensore. Frazionamento. Longe. Corda nel discensore. Cerco Paolo sotto di me. Solo una fiammella lontanissima. L’eco dei moschettoni rimbalza e m’investe. “Stavo meglio quando stavo peggio.” Ho nostalgia degli Alburni che, nonostante il loro gruviera verticale, mai si sono burlati di noi speleo con pozzi del genere: “E pensare che il pozzo da centosessantaquattro degli Urri fa paura.” Giù. Giù. E ancora giù. (….)

Carlos Solito, Il Contrario del Sole

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!