Il 2008 sarà ricordato come l'anno del crollo dell'impero dell'auto?

Scritto da: -

car%20traffic_01.jpg

di Marco Pagani

Il 2008 sarà ricordato dagli storici come l'anno del crollo dell'impero dell'auto? A giudicare da quanto sta accadendo negli USA, si direbbe proprio di sì. Detroit, capitale dell'auto, cadrà, come è caduta Bisanzio, capitale dell'Impero d'Oriente? 

Il paragone non è del tutto fuori luogo: Bisanzio confidava nella sua potenza e nelle sue alleanze, aveva accumulato troppi debiti, si serviva di truppe mercenarie e soprattutto non riuscì ad ottenere l'aiuto in extremis  degli occidentali. Cadde così dopo il breve assedio dei Turchi Ottomani del Sultano Mehmet II il 29 maggio 1453.

I suoi abitanti vissero momenti molto brutti, ma la città (a differenza di Cartagine) non fu distrutta; anzi conobbe una diversa fase di sviluppo.

La stessa cosa forse avverrà per Detroit, per Torino e per le altre città dell'automobile. Ci saranno momenti molto brutti, soprattutto per i lavoratori, ma forse così si troverà la strada per uno dopo-sviluppo, all'insegna della sostenibilità. A Detroit qualcosa sta già nascendo, come ci racconta Debora Billi in Crisis.

Continua a leggere su Eco alfabeta

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!