Probiotici e colesterolo

Scritto da: -

Illustrazione di fegato e intestinoL’azione dei probiotici sul colesterolo, come spiegavamo nel post sulla microflora, è indiretta ma fondamentale per il suo metabolismo.

La flora intestinale collabora infatti col fegato alla conversione del colesterolo in acidi biliari che poi vengono eliminati in parte con le feci e in parte trasformati e reinviati al fegato per una nuova riconversione.

Nel dettaglio biochimico gli acidi biliari derivano dal metabolismo del colesterolo nel fegato, dal quale vengono coniugati con glicina ed eliminati con la bile. La microflora batterica svolge l’azione di deconiugazione degli acidi biliari.[1]

A livello intestinale, dopo la deconiugazione si formano acidi biliari primari e secondari[2] che vengono in minima parte metabolizzati ed eliminati con le feci, mentre la maggior parte ritorna a livello epatico dove viene riconiugata ed eliminata attraverso la bile.

Tutto ciò avviene attraverso un meccanismo di feed-back, nel quale è fondamentale il ruolo svolto dalla microflora intestinale. Tale processo contribuisce a ridurre l’ammontare globale del colesterolo circolante.

—————————————–
1. Aldini R., et al.: Metabolismo degli acidi biliari.In: “Acidi biliari-Aspetti clinici, fisiopatologici e terapeutici”. La Medicina Internaz. Dic.; 27, 1979.
2. Aries V., et al.: Degrazion of steroiids by intestinal bacteria: enzymes catalysing the oxidoreduction of 3 alfa,7 alfa, and 12 alfa hydroxyl groups in cholic acid and the dehydroxylation of the 7 hydroxil group. Biochim.Biophis.Acta; 202:535, 1970.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Probiotici e colesterolo

    Posted by:

    Spett.Gulf Hurricane ReliefHo 68anni ed a seguito di un'epatite all'età di 15 anni curata con Inositolo e opportuna dieta ho sempre accusato una lieve insufficienza epatica che non si evidenzia nei valori della transaminasi. Avendo riscontrato per puro caso nel 2001 a seguito di un'analsi del sangue che i miei valori di colesterolo erano piuttosto alti (colesterolo totale 306; HDL 59 ;LDL 208;indice di rischio 29 ) da allora mi sono sempre sottoposto soltanto ad una dieta senza grassi animali e derivati del latte, conseguendo dal 2003 in poi discreti risultati (colesterolo HDL 59,65,71,50,63 ; LDL 176,178,170,170,240). All'analisi del 5.12.06 con mia somma meraviglia i valori del colesterolo invece di diminuire sono aumentati (colesterolo HDL55; LDL 249; colesterolemia totale 318.trigliceridi 71 con rischio 17 corrispondente a medio). Il mio medico di base non ha ritenuto prescrivermi farmaci a base di statine,e consapevole di tutti i ben noti effetti collaterali che queste procurano sulla funzionalità epatica ,renale, al sistema muscolare ed anche sulla memoria, mi ha consigliato il prodotto denominato Equisterol che a mio avviso si sarebbe rivelato efficace (alle analisi del 21.04.07 i valori sono stati:colesterolo totale 247,HDL 59,LDL 180,indice di rischio 24% corrispondente a medio)per la presenza di policosanoli,sitosterolo,acido clorogenico, vit.C, vit.E, vit.B6, niacina, coenzima Q10, e che secondo studi medici per l'efficacia sarebbe equiparato alle statinema senza gli effetti collaterali di queste. A causa forse della presenza di riso rosso fermentato ( cfr. il Ministero della Salute l'aveva considerato tossico per il fegato e poi riammesso in commercio nel 2003 nella misura di mg 3 di monocolina K stabilito in questa dose forse per il fatto che in Ispagna è ammesso in detta misura) dopo circa tre mesi di somministrazione si è verificata una strana stipsi con un blocco all'intestino retto sotto forma di tappo tanto da dover ricorrere ad un enteroclisma. A questo punto resta il dubbio che una certa tossicità il riso rosso ferementato la possiede ed io per prudenza ho ritenuto ridurre la dose pro/die da 10mg a 5 mg. Il che ha migliorato il transito intestinale, pur permanendo una certa stipsi.Poichè allo stato attuale il mio colesterolo rimane alquanto elevato (totale 242,HDL 61 e LDL 210) ed avendo rilevato dal Vs articolo su Probiotici e colesterolo dove si parla anche della Glicina dell'efficacia di questi, ritengo sia utile riprendere la cura con Equisterol con cps 1/2 , Detoxicon contenente glicina + dl-acetilmetionina e probiotici.Chiedo pertanto un Vs.autorevole parere.Gradierei ricevere Vs news.Ringrazio e porgo i sensi della mia profonda stima  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Probiotici e colesterolo

    Posted by:

    Prescrivere il farmaco spetta al medico specialista. Per quanto riguarda l'utilità di supporto fisiologico e coadiuvante anche ad eventuali terapie mediche, se necessarie, molto efficace risulta la combinazione, assieme ad un'alimentazione corretta, di specifici enzimi, probiotici, microalghe e acidi grassi omega 3. Mi scriva pure direttamente dal mio sito per suggerimenti su un programma protonutrizionale adatto. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Probiotici e colesterolo

    Posted by:

    per due volte ho fatto la analisi del sangue con i seguenti risultati: 260 - 249sono donna, ho 33 anni, non sono grassa...devo correggere l alimentazione o anche fare una visita dal cardiologo dato che sono una fumatrice? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Probiotici e colesterolo

    Posted by:

    Se i valori di cui parla sono riferiti al colesterolo totale, sono poco significativi. Va visto soprattutto l'HDL, l'omocisteina ecc. Per dettagli legga questo post e i successivi e ne parli col suo medico. Scritto il Date —