Doping? No, grazie: l'esempio di un campione olimpionico

Scritto da: -

Vittoria di Dan O'BrienCome abbiamo visto in due recenti post (12.02 e 17.02.2007) i nutrimenti primordiali e in particolare la microalga Klamath possono essere d’aiuto anche a chi pratica sport per migliorare le proprie prestazioni, oltre che per mantenersi in salute.

Anche in Italia ci sono sportivi che utilizzano protonutrimenti. Ma è soprattutto in America dove l’alga Klamath è conosciuta da molti anni, che anche gli ambienti sportivi più professionali hanno incorporato i prodotti a base di Klamath nei loro sistemi di preparazione.

Ci sono diversi olimpionici statunitensi che supportano la loro pratica sportiva con programmi a base di alghe Klamath, e tra questi spicca la medaglia d’oro del decathlon delle Olimpiadi di Atlanta, Dan O’Brien.

O’Brien ha sempre utilizzato programmi nutrizionali a base di enzimi, probiotici, Klamath per ottenere il massimo risultato nutrizionale ed energetico dal cibo che mangia.

Per Dan O’Brien, le Klamath “… sono davvero importanti. Mi aiutano fisicamente, e mi dannno anche quella carica fisico-emozionale che ogni atleta vorrrebbe avere. Quando mangio le alghe durante una gara di decathlon, anche se non mangio nient’altro, so di avere a disposizione qualcosa che continua a sostenermi fino alla fine.”

Abbiamo visto come i protonutrimenti possano produrre effetti energetici e mentali superiori alle stesse sostanze dopanti, senza nessuno dei loro effetti collaterali, e in maniera assolutamente naturale. Dan O’Brien ha capito questo prima degli altri, e anche grazie alle Klamath ha potuto realizzare il sogno della medaglia olimpica in maniera pulita ed etica. Tutti gli sportivi dovrebbero seguire la sua lezione.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Doping? No, grazie: l'esempio di un campione olimpionico

    Posted by:

    Volevo sapere se la klamath va assunta durante l'attività agonistica, oppure solo prima e dopo? Il suo effetto è solo rimineralizzante? Ha un effetto anche energetico (paragonabile a zuccheri semplici oppure a carboidrati complessi?)? Grazie Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Doping? No, grazie: l'esempio di un campione olimpionico

    Posted by:

    Sia prima che durante. Un programma a base di Klamath adatto per gli sportivi produce il massimo dei suoi effetti se assunto regolarmente per un periodo di almeno tre mesi. Il risultato globale è dato, più che dai singoli nutrienti, dalla speciale sinergia che c'è tra di essi. Dia intanto un'occhiata al link, poi mi scriva personalmente (basta cliccare sulla sigla in calce al post) per altri chiarimenti e suggerimenti adatti alle sue specifiche esigenze.LG Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Doping? No, grazie: l'esempio di un campione olimpionico

    Posted by:

    Grazie per il link interessante, i vantaggi sono per sport di resistenza come il fondo e per gli sport con sforzi massimali brevi dove serve reattività?Il coenzima q10 viene assunto anche con la dieta? Quali sono le fonti vegetali che lo contengono? Grazie, Michele Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Doping? No, grazie: l'esempio di un campione olimpionico

    Posted by:

    Difficile riassumere in un commento tutte le proprietà della Klamath. Ne ho parlato in vari post. Magari dia una scorsa inserendo il termine nel motore di ricerca interna al blog. Può anche visitare la pagina Klamath e quella Studi e Download di questo sito di cui ho curato io personalmente la parte scientifica.Diciamo in generale che, agendo sulle fisiologie e i metabolismi di base aiuta sicuramente negli sport di resistenza, ma influenzando anche la risposta nervosa, inclusi riflessi, lucidità e concentrazione, migliora anche la prestazioni nell'immediato. Metta insieme le due cose...Anche del CoQ10 si è già parlato nel blog. Le fonti alimentari sono varie: oltre che nella carne e nel pesce, è presente nei cereali, nel germe di grano, nelle noci, nei vegetali, nella soia, mentre latte e formaggi ne contengono scarse quantità. Solo che oggi purtroppo gli alimenti sono molto scarsi di fattori vitali, vedi ad es. qui. A questo argomento ho dedicato diversi post in protonutrizione.LG Scritto il Date —